Cosa sono le emozioni?

Tutti le provano, pochi sanno come gestirle.

C’è moltissima confusione su cosa siano le emozioni e su come funzionino. Gran parte delle persone le prendono troppo sul serio, credendo siano situazioni ineludibili e immutabili, molte altre, invece, cercano di controllarle o allontanarle. In entrambi i casi, si tratta di “energie” spese nella gestione di una delle cose più naturali che riguardano l’essere umano: provare dei sentimenti.

Capire come funzionano e che valore dare alle emozioni è estremamente utile per non farsi ferire senza motivo, per non preoccuparsi in modo eccessivo, o per non dare troppo potere ad una sensazione spesso passeggera.

Cos’è, quindi, un’emozione? Innanzitutto, in quanto sensazione, non è la realtà, cioè non è la verità di un determinato momento. Ciò non vuol dire che non sia importante o che vada ignorata: significa semplicemente che va presa per quello che è, e che forse va fatto un passo indietro per analizzare la situazione “da fuori”. Se ti senti in un determinato modo, quale diversa percezione potresti avere per sentirti diversamente? Quali sono gli altri aspetti della vicenda che ora non stai considerando?

Questo porta a una riflessione fondamentale: un’emozione non è per forza un’istruzione ad agire. Non bisognerebbe esserne schiavi e dovremmo fare in modo che ci informino, piuttosto che costringerci a reagire con una certa azione. La vera saggezza sta nel guardare le tue emozioni con attenzione piuttosto che reagire assecondandole.
Le emozioni hanno sempre un solo scopo: trasmetterci delle informazioni. Possono avvisarci, avvertirci, insegnarci e dirci a cosa prestare attenzione. La paura, per esempio, è un suggerimento che può servire a proteggerci. La rabbia è il segnale che qualcuno ha oltrepassato la tua pazienza. Se ascolti le informazioni, capisci perché si presentano.

Non solo: le emozioni hanno una durata limitata. Vanno e vengono e non durano mai così a lungo. Se sei bloccato nel dolore, nella rabbia o nella tristezza, ricorda che in realtà è difficile sostenere un’emozione per un certo periodo di tempo. Bisogna usarla per riflettere, per fare tesoro di un insegnamento, e poi lasciarla passare. Perché alcune volte, se assecondate troppo, finiscono per bloccarci.

Tiziana Recchia

26/04/2018 • © RIPRODUZIONE RISERVATA
Etichettato sotto life coaching emozioni

Cassiopea Srl

Agenzia di informazioni Cassiopea
Registrazione presso il tribunale di Verona
Direttore responsabile: Maurizio Corte
Editore: Cassiopea Srl

...

Sede legale: Sede legale: Via Zancle, 6 - 37138 Verona
Sede opeativa: Via Francia, 3 - 37135 Verona
Amministratore e legale rappresentante
Tiziana Recchia
Testata reg. al Trib. di Verona N.1824 del 27/02/2009

Area Press o Registrati