Open Up Informa
OpenUp Informa è una testata
giornalistica che nasce per diffondere
la cultura d’impresa e dare voce
all’esperienza degli imprenditori.

Per raggiungere l’obiettivo, uno staff
di giornalisti coltiva questo spazio
con articoli e interviste, raggiungendo
250.000 accessi all’anno.
Loading…

Di padre in figlia: il Museo Nicolis come esempio di passaggio generazionale riuscito

Leggi tutto

Tiziana Recchia titolare di Cassiopea - le richieste dell'imprenditore

Leggi tutto

Public speaking - Come padroneggiare la comunicazione in pubblico.

Leggi tutto

Corso di Dizione - Ritmo e intonazione come strumenti di personal branding.

Leggi tutto
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
I nostri corsi

I nostri corsi

Coaching manageriale, public speaking,
team building e altri strumenti per la
crescita professionale e personale dell’individuo.
Calendario corsi

calendario
corsi

Nuovo corso

Sviluppa le tue capacità
per migliorare la tua azienda...

Life coaching

Percorsi individuali attraverso i quali
riuscire ad esprimere al meglio le
proprie potenzialità e a rielaborare
situazioni di disagio.
Staff

Staff

Impegno sociale

Impegno
sociale

Cassiopea compie 25 anni

Cassiopea compie 25 anni

Proposte diFormazione

Coaching manageriale

Coaching manageriale Declinazione moderna dell’antico mentore, il coach non insegna, ma fa imparare...

Scopri il corso

Life coaching

Life coaching Che cos’è. Il life coaching è allenarsi alla vita. Il coach accompagna, guida, mot...

Scopri il corso

La voce come strumento di successo

Suono, ritmo e dizione nella comunicazione espressiva L'esposizione pubblica e mediatica è un must ...

Scopri il corso

Public Speaking

Oggi le competenze di oratoria non sono richieste solamente a coloro che hanno la necessità di parla...

Scopri il corso

Le interviste

Ascoltare il cuore: un’espressione molto più che metaforica.

Uno studio dimostra che chi riesce a percepire i battiti cardiaci degli altri si dimostra più empatico.

"Ascolta il tuo cuore" è un consiglio che si sente dire nelle questioni sentimentali e di vita.
Un team di ricercatori inglesi, però, ha dimostrato che esiste un risvolto inaspettato in questa affermazione: la consapevolezza del battito cardiaco, nostro e degli altri, è indicatore di maggiore ascolto e sensibilità agli altri. Lo studio (link) è stato pubblicato sulla rivista scientifica Cortex a maggio di quest’anno e ha già fatto il giro dei maggiori quotidiani e magazine del mondo.

Il primo step che questo studio sembra suggerire è quello dell’ascolto di noi stessi, per poi imparare a percepire e capire le emozioni di chi ci circonda, intensificando la nostra capacità di essere empatici.

Riuscire a percepire i segnali provenienti dal nostro corpo, come il proprio cuore battere nel petto, è un processo chiamato interocezione. Per indagare su questa capacità Geoff Bird, ricercatore all'Università di Oxford, e la sua squadra hanno chiesto a 72 volontari di contare i loro battiti cardiaci, ma senza usare le dita.
Ma com’è possibile riuscire a sentire il ritmo del cuore dentro la cassa toracica e contare le pulsazioni? L’interocezione prevede la possibilità di ascoltare non solo il ticchettio interiore, ma anche altre informazioni, come il respiro, o il senso di fame, o quello di sete, o un dolore. In altre parole, è un modo per comunicare con il corpo, utile anche per capire il proprio stato di salute. Il concetto alla base dello studio è che se non riusciamo a distinguere correttamente i nostri stati d’animo, di certo avremo maggiori difficoltà a farlo con le persone con cui ci interfacciamo quotidianamente.

Tornando all’esperimento, i partecipanti, dopo aver provato a contare i propri battiti, hanno visto dei video di alcune interazioni sociali, e gli sono state poi poste alcune domande per testare la loro capacità di dedurre gli stati mentali dei personaggi.
Ad esempio: una clip mostrava Tom, un uomo palesemente interessato ad un donna di nome Gemma, che però era attratta da Barry, una terza persona più timida. A questo punto, i partecipanti dovevano definire gli stati d’animo dei personaggi. Sempre a titolo di esempio, una domanda relativa alla scena appena descritta chiedeva se Gemma per caso fosse irritata dalla situazione creatasi.

Ebbene, i risultati del test hanno evidenziato una spiccata attitudine a immedesimarsi negli altri in coloro che erano stati più bravi nella prima parte dell’esperimento, quando era stato chiesto di contare i battiti cardiaci.

La ricerca non si estingue qui: uno degli obiettivi a cui punta è utilizzare i risultati per aiutare chi soffre di autismo o schizofrenia. Per esempio, delle luci normali possono essere percepite in maniera errata ed essere considerate tanto intense da sconvolgere; la stessa cosa può succedere con dei suoni che vengono interpretati come assordanti. Queste sensazioni sarebbero collegate proprio all’interocezione, con un aumento del ritmo cardiaco e del livello di eccitazione.

A prescindere dalle applicazioni del lavoro di Geoff Bird, “ascoltare il cuore” ora non è più solo un modo di dire, ma è diventato un vero e proprio consiglio scientifico da seguire letteralmente: impariamo a comprendere noi stessi prima di provare a fare altrettanto con chi ci circonda.

Francesca Delli Carri

02/08/2017 • © RIPRODUZIONE RISERVATA
Progetto fotografico collettivo “Magazzino Verona – I luoghi del ventennio”

Progetto fotografico collettivo “Magazzino Verona – I luoghi del ventennio”

Leggi tutto

Il libro del mese

Chi non muore si rivede

Chi non muore si rivede

Leggi tutto

Area Press o Registrati

Log In con Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?