Open Up Informa
OpenUp Informa è una testata
giornalistica che nasce per diffondere
la cultura d’impresa e dare voce
all’esperienza degli imprenditori.

Per raggiungere l’obiettivo, uno staff
di giornalisti coltiva questo spazio
con articoli e interviste, raggiungendo
250.000 accessi all’anno.
Loading…

Di padre in figlia: il Museo Nicolis come esempio di passaggio generazionale riuscito

Leggi tutto

Tiziana Recchia titolare di Cassiopea - le richieste dell'imprenditore

Leggi tutto

Public speaking - Come padroneggiare la comunicazione in pubblico.

Leggi tutto

Corso di Dizione - Ritmo e intonazione come strumenti di personal branding.

Leggi tutto
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
I nostri corsi

I nostri corsi

Coaching manageriale, public speaking,
team building e altri strumenti per la
crescita professionale e personale dell’individuo.
Calendario corsi

calendario
corsi

Nuovo corso

Sviluppa le tue capacità
per migliorare la tua azienda...

Life coaching

Percorsi individuali attraverso i quali
riuscire ad esprimere al meglio le
proprie potenzialità e a rielaborare
situazioni di disagio.
Staff

Staff

Impegno sociale

Impegno
sociale

Cassiopea compie 25 anni

Cassiopea compie 25 anni

Proposte diFormazione

Coaching manageriale

Coaching manageriale Declinazione moderna dell’antico mentore, il coach non insegna, ma fa imparare...

Scopri il corso

Life coaching

Life coaching Che cos’è. Il life coaching è allenarsi alla vita. Il coach accompagna, guida, mot...

Scopri il corso

La voce come strumento di successo

Suono, ritmo e dizione nella comunicazione espressiva L'esposizione pubblica e mediatica è un must ...

Scopri il corso

Public Speaking

Oggi le competenze di oratoria non sono richieste solamente a coloro che hanno la necessità di parla...

Scopri il corso

Le interviste

Credibilità e reputazione sui social media

La percezione della realtà all'interno degli spazi virtuali come i social è così consolidata da far credere che se l'azienda non cura i suoi profili social l'organizzazione stessa sia poco attiva.

I social media sono dei luoghi, degli spazi dove avvengono confronti e dove l'opinione pubblica proietta la realtà. Ciò che accade in rete è sotto l'attenzione e il giudizio di chiunque. I concetti di brand reputation e personal branding sono ora più complessi perché in gioco non ci sono solo le azioni e i valori reali ma anche i loro corrispettivi on-line.

Le aziende si sono rese conto di quanto la presenza on-line sia indispensabile: la presenza di un marchio nel web assicura la sua esistenza, infatti se i profili social di un'azienda non vengono ben gestiti si associa l'inattività del brand on-line alla poca produttività di un'azienda.
La questione si è velocemente proiettata anche sulle persone singole che devono imparare ad usare i social in modo intelligente, infatti ciò che si dice in rete ha forti ripercussioni sulla vita reale.

Emmanuele Macaluso, docente di marketing ha pubblicato di recente una ricerca intitolata “Studio sulla creazione della credibilità percettiva attraverso i social media”, i risultati hanno dimostrato come “i social hanno un'influenza molto marcata nei confronti dei propri utenti. Influiscono nello loro possibilità di scelta, nella creazione dei propri modelli di riferimento e nelle dinamiche sociali”.
Lo studio si è svolto grazie alla creazione di un soggetto virtuale, inesistente nella vita reale, che interagiva con gli utenti sui social network affermando la sua creatività di professionista (nella fattispecie è stato creato un musicista). In seguito poi sono stati analizzato i risultati ottenuti.
Questo musicista virtuale ha riscosso un notevole successo e numerose richieste di collaborazione, nonostante non sia stata usata nessuna strategia di marketing a pagamento.

Questa analisi ha dimostrato la facilità con la quale si possono influenzare gli utenti sul web. Le azioni sui social possono aiutare l'affermazione di un brand (posto che ci siano dei valori condivisi all'interno della programmazione), se invece i profili social vengono trascurati possono crearsi delle reazioni spiacevoli che possono seriamente intaccare la reputazione nei confronti di un'organizzazione e di una persona.
Questa ricerca conferma l'evoluzione che il web ha ottenuto rispetto alle credenze di persone e organizzazioni nel mondo reale. In conclusione si può ribadire che ognuno deve usare internet con attenzione, senza dimenticare che ciò che si fa in rete si proietta sulla reputazione degli utenti rispetto alla collettività.
 
 
 
A cura di Marika Cassini
 
 
  • Per saperne di più. Durante il festival Internet a Pisa 2015 sono emerse diverse riflessioni in merito alla brand reputation on- line che possono essere consultate a questo link.

 

28/10/2015 • © RIPRODUZIONE RISERVATA
Progetto fotografico collettivo “Magazzino Verona – I luoghi del ventennio”

Progetto fotografico collettivo “Magazzino Verona – I luoghi del ventennio”

Leggi tutto

Il libro del mese

Chi non muore si rivede

Chi non muore si rivede

Leggi tutto

Area Press o Registrati

Log In con Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?