E se fossi un Multipotenziale?

Essere bravi in tante cose, ma annoiarsi presto.

Siete alla ricerca di nuovi stimoli, vi incuriosite di argomenti sempre nuovi e volete fare cose differenti nella vita? Quando vi interessate di qualcosa, vi ci immergete, imparate tutto il possibile, ma dopo un po’ iniziate ad annoiarvi e volete passare ad altro? Allora siete un multipotenziale.
Ne ha parlato per la prima volta Emilie Wapnick, nel suo TEDTalk, definendo questa personalità come “una persona con molti interessi e occupazioni creative”.

In un mondo che crede in un’unica vocazione per ciascuno, si fa difficoltà ad accettare di poter essere appassionati di tutto e niente. Perché dà l’idea di una persona poco determinata, confusa, e senza uno scopo preciso nella vita. In realtà, non c’è nulla di cui vergognarsi: soprattutto oggi, in cui le mutate condizioni della società ci vogliono flessibili e indipendenti, essere sempre pronti a buttarsi a capofitto in una nuova avventura è senza dubbio un vantaggio.

Il multipotenziale, in realtà, non lo ha scoperto la Wapnick: è sempre esistito. Questo tipo di personalità affonda le sue radici nell’uomo del Rinascimento, quando essere portati per molte discipline, invece di specializzarsi in una cosa soltanto, era motivo di vanto.
Quello che ha fatto Emile Wapnick è stato riportare alla ribalta il concetto di multipotenzialità, e spiegare alle persone che non si tratta di una limitazione o di un difetto. Ha addirittura identificato tre “super poteri” delle persone con più vocazioni insieme:

Capacità di sintesi

Il multipotenziale è in grado di combinare idee diverse per creare qualcosa di nuovo. “L’innovazione nasce nelle intersezioni” dice la Wapnick. “È lì che vengono fuori nuove idee.”

Rapido apprendimento

Quando un multipotenziale si interessa a qualcosa ci si impegna con tutto se stesso e non ha timore di uscire dalla propria zona di comfort.

Adattabilità

Il multipotenziale è capace di trasformarsi in qualsiasi cosa ci sia bisogno di essere in una data situazione.

Ma chi c’è tra i multipotenziali più famosi della storia? La Wapnick ricorda Leonardo da Vinci, Cartesio, Isaac Newton, Aristotele, ma anche Oprah Winfrey e Steve Jobs.

La maggiore critica che viene fatta ai multipotenziali è che disperdono la propria attenzione verso mille cose diverse, senza specializzarsi. In realtà, se ci pensiamo bene, è possibile coltivare interessi diversi contemporaneamente, ad esempio integrandi diversi hobby nel proprio business, oppure fare i freelance in vari settori, coltivare i cosiddetti “side-projects” o semplicemente dedicare il proprio tempo libero a una curiosità non inseribile nel proprio ambito lavorativo. Insomma, di spazio per liberare la propria curiosità ce n’è eccome!

 Tiziana Recchia

10/05/2018 • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Etichettato sotto life coaching lavoro carattere

Cassiopea Srl

Agenzia di informazioni Cassiopea
Registrazione presso il tribunale di Verona
Direttore responsabile: Maurizio Corte
Editore: Cassiopea Srl

...

Sede legale: Sede legale: Via Zancle, 6 - 37138 Verona
Sede opeativa: Via Francia, 3 - 37135 Verona
Amministratore e legale rappresentante
Tiziana Recchia
Testata reg. al Trib. di Verona N.1824 del 27/02/2009

Area Press o Registrati

Log In con Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?